RIPARTIAMOITALIA – Troppe Tasse Per Imprese e Famiglie! Abbassarle Si Può!

RIPARTIAMOITALIA – Troppe Tasse Per Imprese e Famiglie! Abbassarle Si Può!

Eventi in Programma ! 29 Apr 2017
    55045 Pietrasanta LU, Italia
    09:30 AM - 06:00 PM
    This event is passed

    Invito

    IMG_6286

    FI: Sabato ‘RIPARTIAMO ITALIA’ a Pietrasanta, Fiori ‘Fisco in primo piano’ = Atteso Berlusconi

    17626140_1846063928990352_2063343260771638601_n
    FI: SABATO ‘RIPARTIAMO ITALIA’ A PIETRASANTA, FIORI – responsabile enti locali – ‘FISCO IN PRIMO PIANO’ = Atteso Berlusconi, offriamo iniziative concrete di buon governo Roma, 27 apr. (AdnKronos) – Dopo Cosenza, la prossima tappa di ‘Ripartiamo Italia’ sarà Pietrasanta. L’appuntamento è per la mattina di sabato 29 aprile, presso lo storico laboratorio di marmo ‘Cervietti Franco’, in via dello Statutario 14. ”Ci misuriamo sui problemi veri e lavoriamo per trovare soluzioni concrete ai cittadini”, assicura all’Adnkronos il promotore dell’iniziativa Marcello Fiori, coordinatore nazionale degli Enti locali di Forza Italia. L’obiettivo, spiega l’esponente azzurro, che ha organizzato la manifestazione insieme al sindaco di Pietrasanta e vicecoordinatore vicario di FI Toscana, Massimo Mallegni, è ridurre le tasse, specialmente quelle locali; liberare i cittadini dai lacci e lacciuoli della burocrazia e aiutare le fasce più deboli, a cominciare dagli anziani. Attraverso benefit e misure di sostegno ad hoc. “Nessuna promessa elettorale”, precisa Fiori, che spiega: ”Vogliamo dimostrare, attraverso un impegno concreto e quotidiano, quel che è capace di fare una nuova classe dirigente di FI, che nei Comuni e sul territorio si misura ogni giorno con una crisi economica drammatica, che sta mettendo in ginocchio il nostro Paese”. Non è escluso un blitz di Silvio Berlusconi per un messaggio di saluto. (segue) (Vam/AdnKronos) ISSN 2465 – 1222 27-APR-17 19:18 NNNN
    FI: SABATO ‘RIPARTIAMO ITALIA’ A PIETRASANTA, FIORI ‘FISCO IN PRIMO PIANO’ (2) = (AdnKronos) – (Adnkronos) – ‘Ripartiamo Italia’ è lo slogan di una serie iniziative che si terranno in tutte le città dove c’è un sindaco di Forza Italia. Il filo conduttore, sottolinea Fiori, è ”proporre e fare iniziative di buon governo sui temi più sentiti dai cittadini”. Il primo appuntamento si è svolto a Cosenza il 1 aprile scorso, con il sindaco Mario Occhiuto a fare da Cicerone, ed era concentrato sul recupero delle periferie e la rigenerazione urbana. Sabato prossimo, a Pietrasanta, in provincia di Lucca, in primo piano ci sarà il fisco, ovvero la riduzione delle tasse, a partire da quelle locali. I sindaci si confronteranno con i rappresentanti delle imprese, delle professioni e del commercio. ”Vogliamo proporre iniziative di buon governo per cambiare in meglio la vita di milioni di cittadini in difficoltà”, dice Fiori che indica le priorità: la lotta alla povertà, la riduzione delle tasse, i tagli alla burocrazia, l’adozione di misure per favorire le imprese e lo sviluppo economico e le fasce più deboli della popolazione. (Vam/AdnKronos) ISSN 2465 – 1222 27-APR-17 19:18 NNNN

    RIPARTIAMO ITALIA, Pietrasanta 29 aprile

    Grazie davvero a tutti per aver partecipato! Sindaci, amministratori, dirigenti, militanti: con passione e competenza abbiamo discusso e avanzato le nostre proposte concrete su come ridurre le tasse e far ripartire la crescita economica, unica ricetta vera per contrastare la povertà! 
    Complimenti a Massimo Mallegni e a tutti i suoi splendidi collaboratori per aver curato una impeccabile macchina organizzativa! 
    Grazie e un abbraccio affettuoso al nostro straordinario Presidente Silvio Berlusconi che, come sempre, non ci ha fatto mancare il suo sostegno! 
    UN MONDO NUOVO, UNA NUOVA POLITICA : RIPARTIAMOITALIA

                 Marcello Fiori

    UN MONDO NUOVO, UNA NUOVA POLITICA: RIPARTIAMOITALIA

    L’intervento di Marcello Fiori a Pietrasanta:
    “La pressione fiscale in Italia è ormai così elevata da poter essere definita una vera e propria” oppressione fiscale”. Il valore medio è pari a circa il 43% (uno dei più alti in Europa) contro il 34,8% della Gran Bretagna, il 39,6% della Germania e mentre il Presidente Trump intende adottare una epocale riduzione fiscale che abbassi dal 35% al 15% le aliquota negli USA. La strada per far ripartire l’economia anche in Italia è quella di ridurre drasticamente le tasse introducendo la Flat tax (con un valore che abbiamo calcolato intorno al 23%). Resta infatti sempre valida l’equazione liberale di MENO TASSE PIÙ CONSUMI PIÙ INVESTIMENTI PIÙ CRESCITA PIÙ BENESSERE PER TUTTI. In questo quadro anche i Comuni, costretti dopo il 2011 a divenire gabellieri per conto del Governo centrale, devono fare la loro parte. Ogni cittadino paga ogni anno oltre 600 euro di tributi locali e le tasse comunali rappresentano il 15% di quelle totali. Ma esistono oltre 100 tasse (alcune assurde) che vanno cancellate: la tassa sull’ombra, sul menù esposto in vetrina, sul tappetino con il nome dell’esercizio commerciale e così via. I Comuni, come certificato dalla stessa Corte dei Conti, sono stati costretti ad aumentare le aliquota per far fronte agli oltre 12 miliardi di euro di tagli sui trasferimenti statali per l’erogazione di servizi fondamentali come ad esempio asili nido e assistenza ad anziani e disabili. Ma oltre alla rivoluzione fiscale, in entrata sulla autonomia fiscale dei Sindaci, per ridurre davvero la spesa pubblica (origine della insopportabile tassazione attuale) è indispensabile procedere a una rivoluzione amministrativa e della organizzazione dello Stato: chiusura di Equitalia, divieto di pignoramento dei mezzi di produzione dell”impresa, attività di riscossione dei tributi gestita direttamente da parte dei Comuni. Inoltre bisogna eliminare duplicati e incertezze amministrative che producono costi e ritardi nel funzionamento della macchina pubblica: serve uno Stato centrale più snello e con competenze chiare e uniche rispetto alle Regioni, riorganizzazione radicale delle Regioni (non più di dieci e con compiti di programmazione e non di gestione), obbligo di gestione associata dei servizi a rete da parte dei Comuni in ambiti territoriale omogeneizzati, autonomia fiscale e gestionale ai Comuni per tutti i servizi al cittadino. Questa rivoluzione comporterebbe una sensibile riduzione dei costi e un controllo diretto dei cittadini riguardo il costo è la qualità dei servizi ricevuti commisurati ai tributi versati. Meno tasse, quindi, per innescare la scintilla della crescita. E solo con una crescita economica reale saremo in grado di combattere anche la povertà e il disagio sociale: non con misure assistenziali (in qualche caso comunque necessario) ma inserendo persone e famiglie in un percorso virtuoso di nuove e diverse opportunità occupazionali. I Sindaci, i nostri bravi Sindaci di Forza Italia possono essere i protagonisti di questa stagione politica: hanno le competenze e il consenso necessario per essere la vera classe dirigente in grado di affrontare la drammatica crisi che ha messo in ginocchio il nostro Paese ed essere guida delle proprie comunità’. Ma tutta la politica ha necessità di rinnovarsi profondamente e di mettersi in sintonia con i problemi reali dei cittadini: l’Italia attraversa una crisi profondissima, che sta cambiando nelle radici vecchie certezze e abitudini: lavoro, welfare, relazione sociali, sistema dell’informazione, rapporti tra le generazioni. Nulla resterà come prima e di fronte alla incertezza e alle paure del presente i cittadini chiedono nuova protezione. Nuove speranze e certezze per il futuro. Mi tornano alla memoria, concludendo il mio intervento, le parole sagge e lungimiranti di Aldo Moro: TEMPI NUOVI SI ANNUNCIANO IN FRETTA COME NON MAI. CI SONO TUTTI I SEGNI DI GRANDI CAMBIAMENTI E DEL TRAVAGLIO DOLOROSO NEL QUALE NASCE UNA NUOVA UMANITÀ. Noi, anche noi, dobbiamo essere protagonisti della rivoluzione in atto, con i nostri valori di libertà, di umanità. Protagonisti del mondo nuovo. Viva l ‘Italia, viva Forza Italia, viva Silvio Berlusconi

    Rassegna stampa

    Il messaggio del Presidente Silvio Berlusconi agli amici e agli amministratori di Forza Italia riuniti a Pietrasanta per RIPARTIAMOITALIA con Marcello Fiori e Massimo Mallegni:

    Messaggio Berlusconi Pietrasanta RipartiAmoItalia 

    Roma, 29 apr. (AdnKronos) (Pol-Vam/AdnKronos)

    “La pressione fiscale in Italia è ormai così elevata da poter essere definita una vera e propria oppressione fiscale”.

    Fisco: Fiori (Fi), meno tasse per innescare scintilla crescita. Serve rivoluzione, a cominciare da imposte Comuni